La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Festival Caracol


Nada

Nada apre il 9 il Festival Caracol al Palazzo dei Congressi di Pisa

Nell’attesa dell’apertura della nuova sede, il Caracol festeggia l’abbandono di via Battichiodi e il prossimo approdo in via san Martino 69 con il festival “Waiting for Caracol 2.0“: cinque giorni di festa e con la musica dei concerti e dei dj-set, organizzati al Palazzo dei Congressi. Il bill è piuttosto intrigante e comprende tra gli altri Nada (9 novembre), Luomo (l’11) e i Dub Syndacate (13 novembre).

L’apertura della kermesse spetta a Nada, artista poliedrica capace di raggiungere più volte la vetta della classifica con gustosi brani orecchiabili (“Ma che freddo fa”, “il Cuore è uno zingaro” e la mitica “Amore disperato”) evolutasi poi in raffinata esponente della musica d’autore e fautrice di opere dalle sorprendenti sonorità rock (“L’amore è fortissimo il corpo no” e “Tutto l’amore che mi manca” soprattutto) o dall’afflato intimista (“La Luna in piena”).

Luomo è l’alterego scelto dal compositore finlandese Sasu Ripatti (più noto con l’altro nome de plume Vladislav Delay) per le composizione elettroniche più accessibil e di marca house/techno della sua produzione. Sotto questo monicker Sasu ha pubblicato cinque dischi, “Focalcity”, “the Present Lover”, “Paper Tigers”, “Convivial” e “Plus” pieni di groove elettronici e ritmiche variopinte.

La band di Style Scott e del produttore  Adrian Sherwood (i Dub Syndacate) si esibiscono invece l’ultimo giorno il 13 novembre. Sulla breccia dalla prima metà degli anni ’80 il gruppo è noto per le sue versioni strumentali di classici del reggae  ed è (nome omen) tra i pionieri del dub: genere musicale discendente dal reggae che prevede appunto la rivisitazionei di canzoni eliminando il cantato, potenziando la parte ritmica e aggiungendo effetti vocali e elettronici. Sul palco oltre al batterista e leader Style Scott ci saranno Alon Adiri (tastiera), Franklyn ‘Bubbler’ Waul (pianoforte), Christopher Augustus Meredith (basso) e Vince Blakey (chitarra).

Gli ospiti della altre serate sono gli Holloys e Mike Joyce. Joyce, batterista dei seminali the Smiths, proporrà un dj set il 12 novembre. Gli Holloys sono un gruppo americano che propone una musica stranissima: una sorta di disco-noise-space rock impreziosito da arrangiamenti jazzistici e caratterizzati da una cerca libertà di esplorazione musicale tipica della fusion. Hanno pubblicato vari singoli e un EP (“Art Wars”).

 

Il calendario completo del festival (inizio spettacoli ore 22:00, a seguire i dj set):

9 novembre – Nada & i Criminak Jokers + dj set
biglietto 10 euro con consumazione (5 euro con consumazione dopo le 24:00)

10 novembre – Holloys + dj set di Dome La Muerte
biglietto 5 euro

11 novembre Luomo + dj set by 24Hours Sleeping People
biglietto 10 euro con consumazione (5 euro con consumazione dopo le 24:00)

12 novembre – Mike Joyce (The Smiths) dj set + dj set di Stop Making Sensible
biglietto 10 euro con consumazione (5 euro con consumazione dopo le 24:00)

13 novembre –  Dub Syndacate + dj set di Mogano
biglietto 10 euro con consumazione (5 euro con consumazione dopo le 24:00)

Abbonamento per le 5 serate: 25 euro

Waiting for Caracol 2.0 – 9/13 novembre Palazzo dei Congressi (via Matteotti 1 Pisa)

Per informazioni

 

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy