La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Sipario su Teatro e Scienza


Una scena dello spettacolo Gal y Leo, con Paolo Giommarelli e Dario Focardi

di Elena Di Stefano

Sulla scia delle celebrazioni galileiane trascorse, torna sotto la lente dell’attenzione cittadina il binomio Teatro e Scienza, con il miniciclo di due spettacoli a tema che la Fondazione Teatro Verdi di Pisa ospita nella Sala Titta Ruffo nell’ambito del progetto didattico Fare Teatro (repliche serali e matinée per le scuole): “Gal y Leo” dei Teatri della Resistenza (3 e 4 febbraio ore 21, 4 febbraio anche ore 11:00) e “Variazioni Frankenstein – primo studio” (7 e 8 marzo ore 11:00 e ore 21:00) di Altredestinazioni Teatro.

“Gal y Leo” è un acuto divertissement teatrale scritto e interpretato da Dario Focardi e Paolo Giommarelli, già presentato con successo lo scorso settembre nell’Abbazia di San Zeno nella manifestazione “Pisa tra arte e scienza”. “Dialogo semiserio intorno alla scienza” è il provocante sottotitolo della messinscena rocambolesca che muove da due domande fondamentali: che influsso ha avuto la scienza nelle trasformazioni della nostra società? Quanto ha contribuito a modificare la dialettica sulla condizione umana e sulla natura? Protagonisti sono i due grandi scienziati Galileo Galilei e Leonardo Fibonacci, improvvisamente catapultati nel presente, con uno spiazzamento temporale di troisiana e benignana memoria (come non pensare al memorabile Non ci resta che piangere?). Dal loro rassicurante circolo della scienza Gal y Leo si ritrovano alle prese con un moderno acceleratore nucleare: per salvarsi dalla minaccia incombente i due dotati scienziati dovranno ripercorrere tra svariate peripezie temi assai complessi, dagli albori del calcolo algebrico fino Bosone di Higgs. Il surreale confronto si dipana a ritmo errato e scoppiettante, in un crescendo esilarante. L’ambientazione video è a cura di Pierpaolo Magnani ed è accompagnata dagli spassosi disegni di Paolo Cioni e dalla voce fuori campo è di Elisa Cecilia Langone.

“Variazioni Frankenstein” arriva in un’anteprima assoluta, presentato per l’occasione nella sua tappa di primo studio: lo spettacolo nasce dal laboratorio tenuto la scorsa estate da Francesco Niccolini (sua la scrittura della messinscena) e da Lorenzo Mucci (che ne cura la regia), nell’ambito della Scuola Europea per l’Attore “Prima del Teatro” che si tiene ogni estate a San Miniato. “Variazioni Frankenstein” sarà presentato nella sua versione definitiva proprio a San Miniato, la prossima estate. Lo spettacolo prende spunto dalla storia di Frankenstein scritta da Mary Shelley per sviluppare una riflessione sull’etica della scienza: la trama ruota intorno alle divagazioni dello scienziato Viktor Frankenstein, il cui spessore insieme tragico e visionario è stato attualizzato nella riscrittura di Francesco Niccolini (autore, fra l’altro, del recente Galileo di Marco Paolini), innestando sui temi del celebre romanzo le sfide tutte contemporanee poste dalla bioetica.  Tre i giovani attori in scena (Elisa Proietti, Sabrina Iannello, Luigi Ragoni), affiancati dal professionista Paolo Giommarelli.

I biglietti per entrambi gli spettacoli sono in vendita al Botteghino del Teatro Verdi (intero 12 euro, ridotto studenti 7 euro). Per i matinée delle scuole è necessaria la prenotazione, contattando il Teatro (tel. 050 941111).

Teatro e Scienza
Sala Titta Ruffo, Teatro Verdi di Pisa

“Gal y Leo”
3 febbraio ore 21, 4 febbraio ore 11:00 e 21:00

“Variazioni Frankenstein – primo studio”
7 e 8 marzo ore 11:00 e 21:00

Biglietti:
Intero 12 euro, ridotto studenti 7 euro
Prenotazioni e acquisti presso il botteghino del Teatro Verdi

Per informazioni
Teatro Verdi (Via Palestro 40 Pisa)
Tel. 050/941111
Web www.teatrodipisa.pi.it

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy