La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

La pieve di Santa Giulia


Lungo la strada che collega Pisa a Vicopisano (via Provinciale vicarese SP 2), poco dopo il bivio per Calci si scorge nella campagna la suggestiva Pieve di Santa Giulia situata quasi alle porte del centro abitato di Caprona.  Antichissima (la prima testimonianza della chiesa è del 1096 ma durante gli scavi effettuati negli anni Settanta sono emersi i resti di una chiesa risalente al IX-X secolo) Santa Giulia deve l’aspetto attuale ai lavori che nel XII secolo prevedevano l’ampliamento dell’edificio a tre navate. Il progetto non venne mai ultimato: fu edificata solo la navata sinistra, poi distrutta nel Cinquecento. Successivamente è stata aggiunta sul fianco settentrionale la seconda navata, demolita alla fine dell’Ottocento. La divisione tra le due navate, scandita da archi sorretti da pilastri è ancora visibile nelle colonne inglobate nei muri portanti della chiesa.

L’edificio è stato realizzato in pietre squadrate, sovrapposte quasi senza utilizzare la malta, secondo le tecniche murarie “da scalpellino” diffuse anche nel territorio intorno a Pisa. La chiesa ha una pianta a croce latina, con un’unica navata con abside semicircolare e copertura a capriate. Il campanile, la cui parte inferiore risale al XII secolo, si appoggia sul braccio destro del transetto.

La facciata della Pieve di Santa Giulia è delimitata lateralmente da semipilastri e presenta un timpano con oculo cieco. Il portale centrale con architrave è sovrastato da due oculi e un arco cieco. La facciata orientale con abside e la fiancata meridionale sono percorse dallo stesso cornicione impreziosito da archetti e mensole che presentano motivi animali, vegetali e antropomorfi.  Secondo alcune interpretazioni, i suggestivi volti maschili e femminili visibili sui capitelli delle colonne murate nel fianco meridionale raffigurerebbero i volti dei committenti che finanziarono la ricostruzione dell’edificio nel XII secolo.

L’interno è spoglio e semplice. Sul lato sinistro dell’unica navata si trovano gli archi che la separavano dall’antica piccola navata laterale e lungo le pareti rimangono tracce di affreschi e decorazioni ormai illeggibili. All’ingresso, sul lato sinistro, si erge il grande fonte battesimale ottagonale, in pietra monolitica, del XII secolo. Un’iscrizione medievale è leggibile lungo il bordo dell’austero altare maggiore con mensa datata 1152, proveniente dalla chiesa di San Michele alla Verruca chiesa e complesso monastico che versa in stato di colpevole abbandono nel monte della Verruca dei monti Pisani. Nel lato sinistro del transetto si trova un elegante organo realizzato nel 1738 dal lucchese Domenico Cacioli.

La Pieve è aperta la domenica mattina e in occasione di specifiche funzioni.

Pieve di Santa Giulia
Via S. Giulia, 5 (Via Argine dell’Arno), Caprona, Vicopisano, Pisa
Contatti Unità Parrocchiale di Caprona-Uliveto-Zambra Tel. 050/760804.


Visualizzazione ingrandita della mappa

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy