La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Museo di Storia Naturale e del Territorio


Una grande collezione di animali imbalsamati, riproduzioni di dinosauri e un’imponente galleria contenente scheletri di cetacei attendono i visitatori che si recano al Museo di Storia Naturale del Territorio, allestito dal 1979 in alcune aree della Certosa di Pisa. L’esposizione raccoglie anche “reperti” precedentemente esposti in varie sedi di proprietà dell’Università di Pisa. In seguito al continuo allestimento di nuove sezioni, la disposizione delle collezioni cambia spesso.

L’ultima prevede che l’ala sinistra della Certosa sia destinata all’imponente collezione zoologica (più di 300.000 reperti) che annovera una moltitudine di animali imbalsamati nel XIX secolo tra mammiferi (leoni, orsi, cervi e molti altri), rettili (coccodrilli e serpenti vari) e anfibi oltre a scheletri, ossa, organi interni, e alle imponenti zanne dell’Elephans Antiquus, l’antenato del Mammuth.

Il fiore all’occhiello del Museo di Storia Naturale del Territorio è la suggestiva galleria dei cetacei lungo la quale sono esposti 24 scheletri di balene. Dopo quella del Museo di Scienze Naturali di Londra è la collezione cetologica più importante d’Europa. Davvero mastodontici sono gli scheletri di Balenottera Azzurra (22,2 metri di lunghezza), della Balenottera comune (20,5 metri) e quello di Megattera (16,60 metri). “Curiosi” sono inoltre quello del Narvalo (4,32 metri) che sfoggia un dente (chiamato volgarmente corno) di 178 centimetri e quello, massiccio e compatto, del capodoglio (12,57 metri).

Da un altro ingresso nel cortile si accede alle sale dell’evoluzione dei monti pisani che attraverso plastici ed effetti audio illustrano appunto l’evoluzione (negli ultimi 500 milioni di anni) del territorio dove sorgono i Monti Pisani indotta dal movimento dei continenti e dall’evoluzione della vita.
Nella prima stanza si viene catapultati all’epoca (300 milioni di anni fa) nella quale il territorio nel quale sorgeranno i Monti Pisani si trovava all’altezza dell’equatore: si entra così in una foresta “di felci e di piante che non esistono più come le sigillarie e gli altissimi lepidodendri che arrivavano a un’altezza di 40 metri. La seconda stanza offre una riproduzione di quando (circa 200 milioni di anni fa) i Monti Pisani erano collocati ai tropici: la foresta è scomparsa e al suo posto c’è un deserto popolato dai primi rettili: i dinosauri.
Nell’ultima stanza uno spettacolare plastico riproduce la fauna marina che abitava nel mare (che sarebbe diventato il Mar Tirreno) alle pendici dei Monti Pisani: un enorme squalo (antenato del mako attuale) attacca un delfino.
Alcuni display posizionati lungo il corridoio e nelle sale forniscono una serie di informazioni supplementari ai visitatori.

Recentemente è stata inaugurata la sala dei archeoceti che illustra lo sviluppo di questi animali: il trait d’union tra i cetacei (delfini e balene) e i loro antenati a quattro zampe che vivevano nella terra ferma.

All’esterno ma sempre nel cortile interno della Certosa sono collocate le riproduzioni (a grandezza naturale) di due scheletri di dinosauri, mentre nella parete limitrofa un plastico mostra i dinosauri “in carne e ossa” nella loro vita quotidiana: deporre le uova, prendersi cura dei piccoli e difenderli dai predatori. Nelle cantine della Certosa è allestito un piccolo acquario con una dozzina di vasche per pesci d’acqua dolce.

Foto pubblicate per gentile concessione del Museo di Storia Naturale e del Territorio.

Museo di Storia Naturale e del territorio
Via Roma 79 Calci (Pi)
Tel. 050/2212990 o 050/2212970
Web: www.msn.unipi.it
Accesso disabili: No
Ingresso: da ottobre a febbraio dal lunedì al venerdì 9:00-14:00, sabato: 9:00-18:00 domenica e festivi 10:00-19:00; da marzo a settembre dal lunedì al venerdì 9:00-17:00, sabato 9:00-18:00, domenica 10:00-19:00
Chiusura: 25 dicembre e 1 gennaio
Biglietto: 7 euro; ridotto 3,5 euro per minori da 6 a 18 anni e per adulti oltre 65 anni; 5 euro per soci Coop, possessori di Carta giovani e soci Edumusei


Visualizzazione ingrandita della mappa

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy