La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

L’arte del disegno


"L'Arte dei disegno": la mostra con le opere di Bruno Caruso al Museo della Grafica

"L'Arte dei disegno": la mostra con le opere di Bruno Caruso al Museo della Grafica

Dal 13 dicembre al 2 aprile il Museo della Grafica ospiterà anche la mostra “L’arte del disegno“, un percorso espositivo dedicato a Bruno Caruso, artista tra i più colti e impegnati del Novecento italiano e del quale il museo tratteggia il profilo artistico attraverso una selezione di ottanta opere tra disegni e acqueforti realizzate dal dopoguerra a oggi. Bruno Caruso, vive e lavora a Roma, ha esposto in tutto il mondo e ricevuto i riconoscimenti di  istituzioni italiane e straniere. La mostra pisana è realizzata dal Museo della Grafica, dal Comune di Pisa e dall’Università di Pisa, gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, del patrocinio dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, della Fondazione Adriano Olivetti, e dell’Orto Botanico di Palermo.

In mostra è esposta “Dalla calligrafia alla memoria”, la raccolta di disegni commissionati nel 1959 dall’Olivetti, che raffigurano l’iter attraverso cui l’azienda di Ivrea ha realizzato il primo computer elettronico del mondo, l’ELEA, ideato in un laboratorio della stessa Olivetti a Pisa.  Il percorso espositivo comprende disegni e acqueforti e fa il punto su tutta la carriere di Bruno Caruso: la mostra si apre e si chiude idealmente con due auto-ritratti, il primo del 1945 (un giovane Caruso che disegna al cavalletto), l’ultimo (2010) è un’acquaforte intitolata “Povero Bruno”, dove la testa dell’artista emerge dal suolo contornata da vari animali.

Originario della Sicilia e di Palermo in particolare Bruno Caruso soggiorna Vienna, Monaco e Praga incrociando il suo percorso di crescita artistica con Gustav Klimt, Otto Dix, George Grosz e Franz Kafka.  Bruno Caruso è grafico, disegnatore, pittore e autore di allestimenti teatrali, (“Die Dreigroschenoper”)  e artista dalla forte vocazione per la difesa dei diritti civili, dalla quale scaturiscono numerosi volumi illustrati (come per esempio “Il pugno di ferro” “La tigre di carta” “Elogio della follia”, “Anatomia della società civile”). Nonostante Caruso sia spesso all’estero, la Sicilia è sempre presente nei suoi disegni: dalla Palermo Liberty, alle piante dei giardini pubblici, dall’occupazione delle terre incolte e alle denunce contro la mafia.
“Il Manoscritto sulle meraviglie della natura” del 1969, una meditazione sul mondo naturale e il suo mistero, è una delle opere più apprezzate della grafica del Novecento. A questa seguiranno la cartella di incisioni dedicata all’Orto Botanico di Palermo (1974),  le illustrazioni per Del giardino di Vita Sackville-West (Olivetti, 1983).

Aperto a molteplici influenze, Bruno Caruso non è ha mai sposata nessuna e si è cimentato nella pittura figurativa abbracciando i movimenti del XX secolo, il Neorealismo e rivisitando i maestri del passato (“Le giornate della pittura”).  La mitologia antica, gli Arabi, e Federico II sono soggetti sui quali l’artista torna insistentemente, affiancandoli all’illustrazione della letteratura europea, italiana, e specialmente siciliana (Verga e Pirandello, Quasimodo e Lampedusa) dando un’interpretazione attuale della storia.

Il vernissage della mostra pisana è in programma il 13 dicembre alle ore 18:00. “L’arte del disegno” prevede un biglietto di ingresso di 3 euro ed è visitabile dal martedì al venerdì dalle 10:30 alle 12:30 e dalle 16:30 alle 18:30 e il sabato e la domenica dalle 10:30 alle 18:30.

L’arte del disegno – 13 dicembre / 2 aprile Museo della Grafica Palazzo Lanfranchi, Lungarno Galilei 9 Pisa

Per informazioni
Museo della Grafica – Palazzo Lanfranchi
Tel. 050/2216060 – 050 2216066
e-mail museodellagrafica@adm.unipi.it
web www.museodellagrafica.unipi.it

 

 

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy