La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Una fotografia del romanico pisano


Itinera Romanica

Itinera Romanica, mostra fotografica dedicata al romanico pisano

Dopo la prima tappa a Palaia prosegue a Calci nella Pieve di Sant’Ermolao la mostra fotografica “Itinera Romanica – Itinerari e rete del romanico in Corsica, Sardegna, Toscana” di Iterr-Cost progetto europeo teso a valorizzare le pievi romaniche sarde, corse e toscane. Riguardo alla provincia di Pisa, l’inziativa coinvolge le pievi di Calci, Montecatini Val di Cecina, Palaia e Vicopisano.

Il romanico pisano è lo stile architettonico sviluppatosi nel periodo d’oro della Repubblica Pisana (XI-XIII secolo) ed è contraddistinto dall’impiego nelle facciate di arcate cieche decorate da losanghe e dall’utilizzo combinato di marmo bianco e pietre scure (in genere verrucano). In Toscana gli esempi più alti di questo stile sono la Cattedrale di Santa Maria Assunta, San Paolo a Ripa d’Arno e San Pierino a Pisa, la chiese di Michele in Foro a Lucca, il Duomo di Pistoia, la cattedrale di san Cerbone a Massa Marittima e numerose pievi sparse per la campagna pisana e il Valdarno.

Nella provincia di Pisa in particolare è possibile tracciare due itinerari dedicati al romanico pisano. Il primo è quello del Monte pisano: parte dalla splendida Pieve di Pugnano (comune San Giuliano Terme) prosegue per quella di San Marco a Rigoli, passa per l’abbazia di Santa Maria a Mirteto (Asciano) che versa in uno stato di incomprensibile abbandono, arriva alla Pieve di San Ermolao e Giovanni a Calci, prosegue per la Pieve di Santa Giulia a Caprona, per il Convento di Sant’Agostino a Nicosia (anche esso in “colpevole” stato di abbandono), e termina con la graziosa chiesetta di San Martino a Uliveto Terme, la Pieve di Santa Maria e la Chiesa di Sant’Jacopo in Lupeta a Vicopisano. Il secondo coinvolge la Valdera e la Val di Cecina e si sviluppa dalla pieve di san Martino a Palaia, prosegue per quella di san Verano a Peccioli e per la Badia di Morrona a Terricciola, arriva alla chiesa di Montecatini Val di Cecina e finisce con il Battistero, la Cattedrale e la Badia dei santi Salvatore e Giusto a Volterra.
Oltre alle mostre, accanto ai percorsi sono previsti eventi ad hoc quali “I tesori della Pieve: guida alla scoperta di Santa Maria in Vicopisano” a Vicopisano il 22 agosto (ore 18:30) e la visita guidata alla torre Belforti e la museo della miniera a Montecatini dal 6 al 19 settembre (accesso libero nei giorni 8 e 9 settembre).

Le date invece delle mostre Iterr-Cost sono le seguenti:

Calci – Pieve dei Santi Ermolao e Giovanni fino al 10 agosto
Vicopisano – Pieve di Santa Maria e San Giovanni Battista, dal 22 agosto al 4 settembre
Montecatini Val di Cecina – Chiesa di San Biagio, dal 6 al 19 settembre

Tutte le mostre sono a ingresso libero e aperte con orario continuato dalle 10.00 alle 20.00.

Per informazioni
Formacultura
tel. 050 20438
www.formacultura.it

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy