La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Film: il festival di Lucca


Lucca Film Festival 2011

Lucca Film Festival 2011 (5,6,7 e 14 e 15 ottobre)

È un’edizione “azzoppata” quella del Lucca Film Festival 2011 che prenderà il via il 5 ottobre. A una settimana dall’inizio della kermesse il budget della manifestazione ha infatti subito una riduzione sostanziosa (è stato in pratica dimezzato rispetto a quello stanziato nel 2010 già di molto inferiore di quello previsto nelle prime edizioni del festival) tanto da mettere un serio punto interrogativo sul futuro della manifestazione. Nonostante il programma sia dunque inferiore alle aspettative degli organizzatori la rassegna risulta lo stesso molto integrante grazie alla partecipazione di un folto gruppo di artisti emergenti (come Michelangelo Frammartino e Daniele Gaglianone regista di “Ruggine”), alla programmazione di una serie di capolavori di fine anni ’60 e alla monografia sul cinema spagnolo del tardo-franchismo.

Le location dell’evento di Lucca sono il Cinema Centrale, Villa Bottini e il complesso monumentale di san Micheletto. Al Centrale verranno trasmessi (il 5, 6, 7 ottobre dalle 19:15 alle 20:30 circa) i corti che partecipano al Concorso internazionale del Festival. Il cinema sarà anche la sede di eventi speciali e delle proiezioni di documentari italiani: il 5 ottobre è in calendario “RARA (film)” (Italia, 1967-69, col. e b/n, 70’) di e con accompagnamento musicale di Sylvano Bussotti, musicista, compositore e direttore artistico del Festival Pucciniano. Nella stessa giornata iniziano le proiezioni dei documentari con l’incontro (ore22:15) con la regista Catherine Libert che presenta la sua opera prima il documentario “Campi Ardenti” (Italia, 2010, col. e b/n, 72’). Il giorno successivo tocca alle 21:00 a Michelangelo Frammartino e al suo lungometraggio “Le Quattro Volte” (Italia, 2010, col., 90’) selezionato per il Festival di Cannes del 2010 e con alle spalle tre nomination per il David di Donatello, e alle 23:00 ai primi filmati della personale dedicata a Boris Lehman regista belga di origine svizzera dedito alla sperimentazione più pura e le cui opere superano la dicotomia tra documentario e finzione: “Portrait du peintre dans son atelier (Belgio, 1985,col., 40′) e “Un Peintre sous surveillance” (Belgio, 2008, col., 36’). Il 7 ottobre prosegue alle 21:00 la rassegna su Lehman con “La dernière (s)cène” (Belgio, 2003, col.,14′) e “Choses qui me rattachent aux êtres” (Belgio, 2008, col., 15′), anticipata (ore 20:00) dal documentario “Città-Stato” (ore 20:00) di Giuseppe Spina (Italia, 2010, col., 45’) e seguita dall’incontro (ore 22:00) con Daniele Gaglianone che alle 22:00 presenta Ruggine (Italia, 2011, col., 109’), pellicola con Valerio Mastrandea, Stefano Accorsi, Filippo Timi e Valeria Solarino ispirato all’omonimo libro di Stefano Masseron: il film uscito a settembre è immeritatamente passato inosservato (sarebbe uno dei “belli e invisibili” citando la rivista Ciak), si tratta dunque di una buona occasione per vedere un’opera diretta con “personalità” che che non lascia lo spettatore indifferente.

Sempre il 7 ottobre a Villa Bottini viene presentata (ore 18:30) la mostra “Sketches Snatched – Il cinema strappato” di Massimo Carnevale (7 ottobre – 1 novembre): 70 opere nelle quali il fumettista rivisita celebri inquadrature di film famosi e non. La mostra è visitabile dal 8 ottobre al 14 ottobre dalle 15:00 alle 19:00,
dal 15 ottobre al 27 ottobre dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 19:00 e dal 28 ottobre al 1 novembre dalle 9 alle 19:00.
Nel week end successivo il centro della kermesse diventa il complesso monumentale San Micheletto presso il quale verranno presentate monografie e rassegne a tema dedicate a registi che hanno fatto la storia del cinema. Il 14 ottobre dopo la tavola rotonda “Ombre Rosse e Cinema&Film – La critica cinematografica del ’68 in Italia saranno trasmessi alle 14:30 “L’incidente” (di Joseph Losey, com Dick Bogarde e Michale York GB, 1967, col., 105’), alle 16:30 “Bella di Giorno” (di Luis Bunuel, con un’inimitabile Catherine Deneuve e Michael Piccoli FR/ITA, 1967, col, 100′), alle 18:30 “la Cinese” (di Jean-Luc Godard con Anne Wiazemsky e Jean-Pierre Léaud,Francia, 1967, col., 96’) e alle 21:00 “Falstaff” (di e con Orson Welles e Jeanne Moreau, Spagna, Svizzera, 1966, b/n, 119’). Il giorno finale della kermesse (15 ottobre) è dedicato alla proiezione (ore 15:30) dell’ultima opera di Lehman in rassegna “Histoire de mes cheveux -de la brièveté de la vie” (Belgio-Russia, 2010, col. 90′) e ad una rassegna del cinema spagnolo del tardo franchismo. La manifestazione battezzata la censura contro se stessa prevede la visione di “La caza” di Carlos Saura (Spagna, 1965, b/n, 91’) alle 16:30, di “El Verdugo” di Luis García Berlanga (Spagna, Italia, 1963, b/n 90’) alle 18:30 e “Queridisimos Verdugos” di Basilio Martin Patiño (Spagna, 1977, col., 100’ ) alle 22:30.
Alle 21:30 c’è il break musicale Veleno Breve: recital-concerto di e con Paolo Spaziani e Letizia Corsini.

Per accedere agli spettacoli occorre acquistare il biglietto cumulativo che con 5 euro consente di assistere a tutte le proiezioni.

Lucca Film Festival 2011 -(5-7 e 14-15 ottobre)

Per informazioni
Associazione Vi(s)ta Nova
Tel. 0583/390 597
e-mail segreteria.lff@gmail.com
web www.vistanova.it

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy