La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

La Mattonaia


La Mattonaia è un complesso architettonico di proprietà del Comune che si trova alle spalle della Chiesa di San Michele in Borgo, tra vicolo Vernagalli, via Degli Orafi e via Sant’Orsola.

È il risultato della riqualificazione di un’area molto danneggiata dalla seconda guerra mondiale che ingloba parti di resti medievali del XIII secolo, l’abside della Chiesa e corpi di nuova costruzione.
La particolarità del complesso è l’originale innesto di nuove architetture sull’antico tessuto medievale ancora visibile, con suggestivi giochi di prospettiva e trasparenze in mattoni rossi, ferro, vetro e larice, secondo un progetto, realizzato dall’architetto Massimo Carmassi, noto in tutto il mondo per il suo valore architettonico.

Eppure la Mattonaia versa oggi in stato di grave degrado e abbandono, in seguito a una storia travagliata che non vede epilogo: i lavori di riqualificazione destinati alla realizzazione di case popolari non furono mai terminati (1985-2002) e la Mattonaia divenne presto ricettacolo di traffici illeciti e atti vandalici, occupazioni e sgomberi. Dopo vari tentativi di acquisto (Università, cordate di privati) e due aste andate deserte, il Comune ha recentemente deciso che la Mattonaia non si venderà più ma sarà ceduta a chi realizzerà la riqualificazione di via Pietrasantina, dei Lungarni Mediceo e Pacinotti e della piazzetta della stessa Mattonaia.

La mattonaia comprende 11 unità immobiliari a destinazione abitativa e 7 fondi a destinazione commerciale. Ospita all’interno un’ampia piazza a destinazione pubblica che è anche l’unica via di accesso alla cripta della Chiesa di San Michele in Borgo, per adesso chiusa al pubblico. I cittadini aspettano da anni che quest’area del centro storico sia definitivamente risanata e restituita alla città.

Foto di Veronica Lorenzetti


Visualizzazione ingrandita della mappa

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy