La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Festival al Teatro Era


Hamlet di Korsunovas è in scena al Festival Teatro Era

di Elena Di Stefano

Si svolge dal 27 ottobre al 27 novembre il Festival organizzato dalla Fondazione Pontedera Teatro nei suggestivi spazi del Teatro Era. In calendario c’è un ricco programma di spettacoli, conferenze, incontri e seminari. La rassegna rende omaggio ai grandi maestri, ai giovani e alla produzione di ricerca, secondo una vocazione che anima sin dalla sua nascita il Centro per la Sperimentazione e la Ricerca Teatrale (oggi Fondazione Pontedera Teatro). Allora erano gli anni Settanta e l’esperienza di Pontedera nasceva su ispirazione del Living Theatre e dei grandi maestri della ricerca teatrale europea, da Eugenio Barba a Jerzy Grotowski. Oggi siamo nel 2011 e attraverso un cartellone variegato (l’elenco degli spettacoli del Festivalè disponibile qui), la rassegna  fa dialogare  l’eredità culturale con le generazioni dell’epoca 2.0, la dimensione internazionale con il fermento locale.

I giovani attori del laboratorio di formazione condotto a Pontedera dal regista toscano Federico Tiezzi sono i protagonisti dello spettacolo Tavola di Orientamento 1, da Woyzeck di Georg Büchner e da Wozzeck di Alban Berg, risultato finale di un lavoro di gruppo durato due anni. La Compagnia Laboratorio di Pontedera diretta da Roberto Bacci presenta tre delle sue recenti produzioni: Abito (ispirato a Il libro dell’inquietudine di Fernando Pessoa), Mutando riposa (un’indagine sulla coscienza nell’essere umano) e Gengé (tratto dal romanzo pirandelliano Uno, Nessuno e Centomila).

Tra i maestri della scena contemporanea europea arrivano al Teatro Era il lituano Oskaras Korsunovas, con la sua potente versione di Hamlet e l’Odin Teatret con le due opere La vita cronica, spettacolo di Eugenio Bara dedicato alle scrittrici Anna Politkovskaya e Natalia Estemirova, assassinate nel 2006 e 2009 per la loro opposizione al conflitto ceceno, e Ammazzando il tempo, una piccola chicca di Julia Varley che porta in scena il personaggio archetipo dell’Odin Teatret, Mr. Peanut.

Non mancano alcuni tra gli artisti toscani più affermati: il coreografo fiorentino Virgilio Sieni presenta Due lupi, uno spettacolo creato insieme alle attrici Luisa e Silvia Pasello, quest’ultima anche protagonista di uno studio da Anton Čechov, L’angelo dell’inverno (presso il Teatro di Buti). E la compagnia del Teatro di Buti, diretta da Dario Marconcini, porta in scena il Dialogo di Cesare Pavese: La madre.

Tra gli artisti ospiti dall’Italia, il Festival coproduce il Romeo e Giulietta del promettente regista milanese Claudio Autelli (formatosi alla Paolo Grassi e cresciuto a fianco di Emma Dante e Antonio Syxty) e offre una sorta di retrospettiva della compagnia leccese Cantieri Teatrali Koreja, con tre dei loro più significativi spettacoli: Paladini di Francia, Iancu e La passione delle troiane.

Spiccano tra gli appuntamenti di approfondimento (tutti a ingresso gratuito) la lectio magistralis del compositore contemporaneo Fabio Vacchi e la conferenza del filosofo Luigi Lombardi Vallauri, che condivide con il pubblico “un esercizio di consapevolezza sulle vocine fisiche dalle quali siamo agiti”. Professore ordinario di Filosofia del diritto e autore di saggi filosofico-giuridici, Lombardi Vallauri è passato alla cronaca per avere assunto una posizione critica nei confronti della dottrina cattolica ortodossa che ha causato la sospensione del suo insegnamento all’Università Cattolica, aprendo un caso presso la Corte europea dei diritti dell’uomo.

Una sorpresa musicale è il concerto Reunion tour della mitica rockband italiana Area, che dopo 30 anni torna sul palco con Ares Tavolazzi (basso), Paolo Tofani (chitarre e synth) e Patrizio Fariselli (tastiere). Un concerto dalle forti emozioni nonostante alcune vistose assenze (il cantante e vocalist Demetrio Stratos e il batterista Giulio Capiozzo), sull’onda di sonorità che spaziano tra jazz, rock, progressive, world music, avanguardia e canzone politica.

 

Festival al Teatro Era – 27 ottobre / 27 novembre Teatro Era di Pontedera

 

Biglietti
12 euro Intero, 10 euro Ridotto, ad eccezione degli spettacoli:
TAVOLA DI ORIENTAMENTO 1 / BüCHNER – BERG / VERSO WOYZECK e LA MADRE: posto unico 5 euro
Area / REUNION TOUR: posto unico 15 euro
Prenotazione obbligatoria
Tel. 0587 55720 / 57034 (ore 15:00-18:00)
E-mail: reservations@pontederateatro.it

Prevendite
On line sul sito: www.vivaticket.it
Libreria Roma, via Della Misericordia 18, Pontedera: Tel 0587 52446
Biglietteria del teatro nei giorni di spettacolo dalle ore 19:00: Tel 0587 213988

Informazioni
Tel. 0587 55720/57034
E-mail: info@pontederateatro.it
Pagina web: www.pontederateatro.it

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy