La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Saldi 2018


Il 5 Gennaio al via i Saldi a Pisa e in Toscana

Il 5 Gennaio al via i Saldi a Pisa e in Toscana

Dal 5 Gennaio 2017 parte, puntualissima, la stagione invernale dei saldi a Pisa in Toscana e in altre regioni italiane. Giusto in tempo per l’Epifania, i saldi sono una buona occasione per fare acquisti a prezzi scontati di capi di abbigliamento e di moda e di prodotti di ogni genere: Confcommercio stima una spesa media di 148 euro a famiglia (più ottimistiche sono le associazioni dei consumatori, per Adoc la spesa media si assesterà a 250 euro a famiglia). Per non incappare in brutte sorprese, ecco come al solito una serie di regole da seguire  durante l’evento pisano dei saldi.

Innanzitutto si deve prestare attenzione alla “trasparenza”: per la vendita di “fine stagione”, di prodotti cioè che sono suscettibili di un notevole deprezzamento se venduti se non venduti entro un determinato periodo, gli esercenti hanno l’obbligo di comunicare per ogni bene in saldo, il prezzo pieno (in euro), la percentuale di sconto e il prezzo finale scontato (in euro) e di tenere separati gli articoli scontati da quelli a prezzo pieno. Il consumatore poi può sempre pagare con carta di credito: gli esercenti che hanno infatti accettato questa modalità di pagamento, hanno l’obbligo di accettarla anche durante il periodo degli sconti. Nel caso di un rifiuto i consumatori possono segnalare il caso alla  società servizi interbancari e a un’associazione di consumatori e non procedere ovviamente all’acquisto.
Il consumatore può provare i capi di abbigliamento, esclusa la biancheria intima, e avvalersi del diritto di recesso per acquisti effettuati on-line  o fuori dai locali commerciali. Vale poi sempre la garanzia convenzionale (legale): la garanzia che copre i “difetti” esistenti al momento della consegna  (i vizi di conformità) e che deve essere fatta valere presentando lo scontrino all’esercente che procede alla sostituzione o riparazione del prodotto. Nel caso un acquirente intenda avvalersi della garanzia legale, l’esercente deve provvedere al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione oppure procedere alla riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto se la riparazione e la sostituzione sono impossibili. Infine nei primi sei mesi dall’acquisto, l’onere della prova del vizio è a carico del negoziante che deve provare che il problema denunciato dal consumatore non esiste. Si usufruisce della garanzia legale quando, per esempio, si acquista un capo di abbigliamento credendo che abbia determinati requisiti, in quanto comunicati dall’inserviente/gestore/titolare del negozio,  quando invece ne ha altri (per esempio si acquista un maglione credendo che sia di cotone, ma poi ci si accorge che è in poliestere).

Per evitare rischi e brutte soprese ecco qualche regola da seguire:

·    Confrontate il cartellino del prezzo vecchio con quello ribassato: se avete dubbi sulla percentuale di sconto o il prezzo non sembra corretto, chiedete chiarimenti al negoziante.

·    Verificate che i capi siano in buone condizioni. Se il difetto viene fuori dopo l’acquisto, potrete chiedere la risoluzione del contratto: il negoziante deve restituire l’importo pagato oppure ridurre il prezzo. È importante conservare lo scontrino.

·    Provate sempre i vestiti: se vi pentite in un secondo momento dell’acquisto rischiate di non poterlo cambiare. Infatti il cambio è a discrezione del commerciante. Chiedete allora sempre se è consentito effettuare un cambio e quanti giorni avete a disposizione per farlo.

·    Non acquistate i capi d’abbigliamento che non abbiano le due etichette (quella di composizione e quella di manutenzione), per evitare di danneggiarli nella pulitura a secco o in quella ad acqua fatta a casa.

·    Fate attenzione che la merce in saldo sia quella stagionale. La legge prevede che i saldi non riguardino tutti i prodotti, ma solo quelli di carattere stagionale e articoli cosiddetti di “moda” (che hanno probabilità di deprezzarsi se non vengono venduti durante la stagione).

·    Ricordate che i prezzi esposti vincolano il venditore: se alla cassa viene praticato un prezzo o uno sconto diverso da quello indicato, fatelo notare al negoziante e non esitate, in caso di problemi, a far intervenire la polizia municipale.

·    La garanzia vale per due anni dall’acquisto. Attenzione agli scontrini di carta chimica, che sbiadiscono dopo qualche mese. Fotocopiateli per poterli esibire al momento opportuno. La garanzia va fatta valere entro sessanta giorni dal momento in cui si scopre il difetto.

·    Un negoziante convenzionato con una carta di credito è tenuto ad accettarla sempre, anche in periodo di saldi, e a non aumentare i prezzi per pagamenti effettuati con la carta.

·    Attenzione ai pagamenti effettuati con la carta revolving, perché i tassi applicati possono superare il 20%. Questo strumento di pagamento si rivela conveniente nel solo caso di rimborso del capitale in tempi brevissimi, vale a dire pochi mesi. In caso contrario l’effetto del saldo è azzerato o negativo….

·    Per evitare confusione e acquisti non desiderati, la merce venduta in saldo deve essere esposta separatamente da quella non scontata: diffidate di chi non rispetta questa regola.

·     Occhio ai super-sconti. I ribassi sono progressivi, e se nei primi giorni dei saldi trovate prodotti scontati del 50-70% è probabile che si tratti di fondi di magazzino…

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy