La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Le commemorazioni della rimembranza


L'edizione statunitense di Parnàs, romanzo di Silvano Arieti presentato il 6 settembre a La Leopolda che rievoca la strage (1° agosto 1944) della famiglia Pardo Roques e dei loro amici ricordata anche da una serie di commemorazioni ed iniziative

L'edizione statunitense di "Parnàs", romanzo di Silvano Arieti presentato il 6 settembre a La Leopolda che rievoca la strage (1° agosto 1944) di Pardo Roques, della sua famiglia e dei loro amici ricordata anche da una serie di commemorazioni ed iniziative

In ricordo della liberazione di Pisa (2 settembre 1944) e per non dimenticare la durissima e spietata repressione nazifascista, Pisa dal 6 al 8 settembre celebra con un serie di iniziative  le vittime del nazifascimo.

Il 6 settembre in via sant’Andrea verrà deposta una corona presso le lapidi di Silvano Arieti e di Pardo Roques. Il primo è un celebre psichiatra ebraico di origine pisana costretto ad emigrare all’estero dopo l’entrata in vigore delle Leggi Razziali. Pardo Roques, altro pisano di origine ebraica, fu ucciso insieme ad altre 11 persone nella sua casa di via sant’Andra da un plotone di truppe tedesche il 1° agosto 1944.

Alla Stazione Leopolda (ore 17:30) verrà poi presentato proprio la ristampa del romanzo “Parnàs” di Silvano Arieti (edizioni ETS), che rievoca e denuncia in forma romanzesca l’episodio della strage (Arieti era dirimpettaio di Roques, ma al tempo della strage era già emigrato dall’Italia).  Alle 21:15 c’è invece il concerto “Amore, guerra e… filosofia”, elaborazioni corali di canzoni di Kurt Weill su testi di Bertold Brecht ed altri con la mezzosoprano Anna Maria Guarducci, il Coro della Società Filarmonica Pisana diretto dal pianista Giovanni del Vecchio. Presso gli spazi espositivi la Stazione Lepolda ospita disegni, elaborati, foto e video sul tema della leggi razziali, allestiti a cura di insegnanti e studenti del Liceo “U. Dini” di Pisa. La mostra è visitabile tanto il 5 settembre (dalle 19:00 alle 23:00) quanto il 6 settembre dalle 16:00 alle 23:00.

Il 9 settembre le autorità e i cittadini commemorano le vittime di una delle più efferate stragi nazifasciste nella città della Torre: il massacro di san Biagio a Cisanello dove persero la vita 13 persone sotto i colpi e le bome a mano di un comando di SS. Le cerimonie iniziano alle 9.30 al Cimitero di Riglione (via dei Cristemi) con la deposizione corona di alloro presso il monumento al Maggiore Gian Paolo Gamerra, Medaglia d’oro al Valor Militare che il 9 settembre 1943 perse la vita impegnando alla guida di un gruppo di artiglieri le truppe tedesche in battaglia permettendo ai soldati italiani nelle batterie del Porto di Livorno di scappare e di sottrarsi alla cattura. Verrà poi deposta (ore 10:30) una corona di allora alla Cascina Rosa (via San Biagio n.4/2)  e un’altra (ore 10.45) al Monumento Eccidio di San Biagio (Parco 2 agosto 1944) e nella chiesa di San Biagio verrà celebrata una messa commemorativa.

Occorre inoltre ricordare che molte furono anche le stragi compiute, durante la Seconda Guerra Mondiale, nella odierna Provincia di Pisa: a Guardistallo nel giugno 1944 le truppe SS massacrarono circa 60 persone per rappresaglia a un attacco partigiano; a  San Giuliano Terme nell’agosto 1944 un altro gruppo di SS uccise 24 uomini; sempre nell’agosto 1944 in seguito a un rastrellamento effettuato nei pressi di Molina di Quosa (località La Romagna) centinaia di abitanti del luogo vengono spediti in Germania a lavorare e 69 persone “inabili al lavoro” furono catturate, condotte a Nozzano, torturate e poi uccise.

Commemorazioni Strage di Pardo Roques e di San Biagio – 6 e 9 settembre Pisa

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy