La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Mostre al San Matteo


“San Benedetto e Santa Scolastica” del Sodoma, una delle opere perdute e recuperate e ora in mostra all'eposizione "I dipinti recuperati del Museo Nazionale di San Matteo"

“San Benedetto e Santa Scolastica” del Sodoma, una delle opere perdute e recuperate e ora in mostra all’eposizione “I dipinti recuperati del Museo Nazionale di San Matteo”

Dal 17 luglio al 12 ottobre   al Museo Nazionale di San Matteo  è in programa una doppia mostra organizzata dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Toscana e dalla Soprintendenza per i Beni architettonici paesaggistici storico artistici ed  etnoantropologici di Pisa e Livorno

Innanzitutto l’esposizione “I dipinti recuperati del Museo Nazionale di San Matteo”   consente di ammirare dieci preziosi dipinti del XV secolo scomparsi da più di 15 anni e recuperati nel giugno di quest’anno dal Comando Tutela Patrimonio Culturale – Nucleo di Firenze su denuncia  della Soprintendenza di Pisa e Livorno che, nel corso di un’attività di inventariazione e di riordino dei depositi,  ne ha  constatato la mancanza. L’esposizione    presenta oltre alla preziosa “Madonna Addolorata” del Metsys (nica opera realizzata dall’artista su fondo oro) “San Benedetto e Santa Scolastica” del Sodoma e il dipinto tempera su tavola “San Giuseppe e Gesù Bambino” e i dipinti olio su tavola  “la caduta di San Paolo”, “Ritratto di Dante”, “Santo Vescovo”, due “Scene sacre”, un’altra “Madonna Addolorata” e “Santo con armatura”.

Le opere troveranno poi collocazione definitiva nella collezione permanente e, in particolare per quanto riguarda le opere fiamminghe, nella nuova sala dedicata ai rapporti di questa scuola con la pittura italiana tra Quattrocento e Cinquecento.
In contemporanea si apre la mostra pisana dal titolo “Il Museo nascosto:dipinti dai depositi. Pietro da Cortona e la pittura del Seicento” che ha il suo punto di maggior interesse in  tre opere pittoriche del pittore e architetto Pietro da Cortona (“Estasi di San Filippo”, “Visione di Sant’Antonio da Padova” e “San Paolo risanato dalla cecità da Anania” e nel “San Torpè” di Salvator Rosa che saranno anche essere inserite nelle collezioni permanenti. Questa esposizione mostra   la presenza  importante della pittura seicentesca nella collezione museale del S. Matteo, finora conosciuto e ammirato soprattutto per la straordinaria raccolta medievale  che , in tal modo, potrà arricchire la propria offerta con un nuovo percorso dedicato all’arte del XVII secolo.

I dipinti recuperati del Museo Nazionale di San Matteo e Il Museo nascosto:dipinti dai depositi. Pietro da Cortona e la pittura del Seicento – 17 luglio al 12 ottobre Museo Nazionale di S. Matteo Piazza san Matteo in soarta 1

Per informazioni
SBAPSAE per le province di Pisa e Livorno
Tel 050-926554  e 050- 926511

LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy