La Kinzica - La tua guida al tempo libero e agli eventi di Pisa e provincia

Ricordo e rispetto


Il Sacrario delle vittime dell'eccidio de La Romagna a Molina di Quosa (San Giuliano Terme) dove nell'agosto 1944 le truppe naziste  uccisero  barbaramente 69 persone

Il Sacrario delle vittime dell’eccidio de La Romagna a Molina di Quosa (San Giuliano Terme) dove nell’agosto 1944 le truppe naziste uccisero barbaramente 69 persone

In occasione del giorno della memoria e quello della Liberazione a Pisa è in programma un ricco calendario di iniziative per ricordare le vittime delle leggi razziali, del bombaradamento alleato e delle persecuzioni naziste. Stilato in collaborazione con Anpi, Anppia, Aned, Comunità Ebraica, Centro interdipartimentale di studi ebraici dell’università di Pisa, Associazioni della comunità LGBT e patrocinato dalla  Regione Toscana, il calendario prende il via il 31 agosto con l’omaggio, al Sostegno dei Navicelli, alle vittime dei bombardamenti di Porta a Mare del 31 agosto 1943 e la deposizione di corone alla chiesa di San Giovanni al Gatano. Quel giorno 152 aeri, tra fortezze volanti e B-24 Liberator sganciarono 1500 bombe uccidendo 1.000 persone, radendo al suolo il quartiere e colpendo la chiesa di Pietro e Paolo in Ripa d’Arno, gli Arsenali Medicei, il bastione di Stampace, le mura e Palazzo Pretorio. Sempre il 31 agosto (alle ore 21:00) presso il Teatro LUX sarà allestita la video-installazione Bombe 1943-2013 – Storie, immagini frammenti in ricordo dei bombardamenti di Pisa, di Lorenzo Garzella e Domenico Zazzara.

L’evento pisano del 2 settembre, anniversario della liberazione del 1944, inizia dalle ore 9 verranno deposte le corone alle lapidi dei caduti e alle ore 12.00 commemorazione presso la sala Regia di Palazzo Gambacorti. Il 3 settembre cade invece il Giorno della memoria delle leggi razziali italiane, contro la persecuzione verso ebrei ed ebree e contro ogni razzismo, firmate a San Rossore il 5 settembre 1938,  istituito per ricordare la persecuzione verso ebrei ed ebree contro ogni razzismo”. Il ricordo di questo tragico avvenimento è anticipato quest’anno al 3 settembre e non avviente il 5 settembre per non incidere sulle celebrazioni del Capodanno Ebraico che nel 2013 cade il 5 settembre. Alle ore 11:00 presso la Tenuta di San Rossore, Cascine Vecchie ci sarà la cerimonia con le autorità.
Infine l’8 e 9 settembre Pisa non dimentica le vittime del nazifascismo della nostra città con la deposizione di corone alla Cascina Rosa, in San Biagio e al monumento all’eccidio di San Biagio (dove persero la vita 13 persone per mano di un comando SS) e al cimitero di Riglione al Monumento al Maggiore Gamerra: Medaglia d’oro al Valor Militare il maggiore perse la vita il 9 settembre 1943 combattendo con un gruppo di artiglieri le truppe tedesche e permettendo ai soldati italiani al Porto di Livorno di scappare. Si tratta di due delle stragi compiute nel “pisano” dalle truppe nazi-fasciste durante il secondo conflitto bellico. Quelle più efferate furono a Guardistallo (nel giugno 1944 le truppe SS massacrarono circa 60 persone per rappresaglia a un attacco partigiano) a  Molina di Quosa in località  La Romagna a San Giuliano Terme (nell’agosto 1944 in seguito a un rastrellamento 69 persone “inabili al lavoro” furono catturate e poi uccise).

Pisa non dimentica – 31 agosto 2 3 8 e 9 settembre Pisa

 

IperProfessional la formazione che vale
LaKinzica.it è testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Pisa dal 16 maggio 2011 con autorizzazione n.04/11
Cookie Policy
Cookie Policy